Arcangeli Annalisa

Località: Lazio / Nepi
Intervista conoscitiva

Conosciamo Annalisa Arcangeli Assessore alla Gentilezza di Nepi (Vt)

Secondo lei qual è il “compito” di un assessore/consigliere con delega alla gentilezza?

Per quanto mi riguarda è innanzitutto dare il buon esempio, cercare di essere educati e gentili non costa nulla e migliora i rapporti interpersonali. Oggi viviamo in tempi particolari dove spesso ci si dimentica di usare alcune parole che hanno un senso profondo come grazie, prego, posso, scusa, buona giornata. È mia intenzione sensibilizzare i cittadini al corretto vivere e al rispetto verso il prossimo, verso la propria comunità che ha sua volta riceve benefici positivi.

Secondo lei la gentilezza cosa può contribuire a prevenire?

Si vuol prevenire e correggere determinati comportamenti che danneggiano il vivere sereno della comunità. Nella vita di tutti i giorni assistiamo a comportamenti rigidi se non di scarsa educazione, con questo approccio vorremmo far si che nelle controversie, nelle discussioni , nella diversità di opinione ci sia un approccio con comportamenti positivi. Da ultimo anche per prevenire linguaggi offensivi che tramite il web, seminano odio e tolgono dignità alle persone. Dobbiamo impegnarci affinché prevalga la volontà del confronto e del voler comprendere le ragioni dell’altro, senza avere la pretesa di imporre il nostro modo di essere e il nostro modo di pensare.

In cosa può essere considerato innovativo l’assessorato alla gentilezza?

È un incarico a costo zero, che supera ideologie e colori politici. È un modo di far comprendere ai cittadini i veri valori e gli aspetti positivi della vita. È innovativo perché si muove sul piano morale ed etico avendo solo come fine quello di educare al rispetto delle persone e del bene comune. Finalmente anche i comuni possono dotarsi di uno strumento che sensibilizzi le persone su questi temi.

La prima reazione che ha avuto quando ha saputo di avere ricevuto la delega alla gentilezza?

Ringrazio il Sindaco che mi ha conferito questa delega, ne comprendo il significato e ringrazio i cittadini che mi hanno dato il loro appoggio appena informati di questo incarico, che porterò avanti con impegno e dedizione.