del Carlo Delia

Località: Toscana / San Vincenzo
Intervista conoscitiva

Conosciamo Delia del Carlo, Assessore alla Gentilezza di San Vincenzo (Li).

Secondo lei qual è il “compito” di un assessore/consigliere con delega alla gentilezza?

Pruomuovere iniziative finalizzate a favorire i rapporti “veri” e non virtuali tra le persone; educare i giovani ad aprirsi al mondo, perchè conoscere e rispettare le “differenze” è il modo migliore per crescere;

Secondo lei la gentilezza cosa può contribuire a prevenire?

L’isolamento fisico e culturale delle persone; la violenza in tutte le sue manifestazioni; l’idea, che purtroppo va sempre più diffondendosi, secondo la quale per farsi ascoltare occorra urlare;

In cosa può essere considerato innovativo l’assessorato alla gentilezza?

In un mondo fin troppo frenetico ci riporta ad alcuni valori dimenticati del passato, facendoci riscoprire il calore dei rapporti interpersonali;

La prima reazione che ha avuto quando ha saputo di avere ricevuto la delega alla gentilezza?

In un primo momento mi ha fatto sorridere poi mi sono sentita lusingata in quanto sono stata chiamata a diffondere un messaggio positivo ed importante, specie in tempi come quelli odierni dove anche le più banali divergenze di opinioni sono esternate con rabbia e livore;

Secondo lei in che modo la gentilezza può contribuire al benessere di una Comunità locale?

Perché fa bene al cuore avere la sensazione di non essere soli e di poter contare sull’aiuto degli altri nei momenti di difficoltà;

La parola gentile che pronuncia più spesso?

Per favore – grazie

Secondo lei in che modo la gentilezza può contribuire a crescere un bambino felice?

Lo fa sentire amato e libero di esprimersi perché consapevole che qualcuno lo sta ascoltando.