Mazzola Michela

Località: Lombardia / Levate
Intervista conoscitiva

Conosciamo Michela Mazzola, l’Assessore alla Gentilezza di Levate (Bg).

Secondo lei qual è il “compito” di un assessore/consigliere con delega alla gentilezza?

Anzitutto dare il buon esempio; essere educati e gentili rafforza i rapporti tra le persone e migliora l’umore di chi la offre e di chi la riceve. Essere gentili non costa nulla, eppure molte persone si dimenticano di usarla. Il compito di un assessore con delega alla gentilezza è sensibilizzare al tema tramite manifestazioni che coinvolgano la comunità in più periodi dell’anno e insistere quotidianamente a usare parole molto semplici ma dal valore profondo come grazie, prego, posso, scusa, buona giornata, anche con chi ti ha appena rivolto una critica.

Secondo lei la gentilezza cosa può contribuire a prevenire?

La gentilezza è un potente mezzo per contrastare l’ormai contagioso fenomeno della rabbia e del rancore che sta purtroppo prendendo piede nella vita quotidiana. Essere nervosi e arrabbiati è uno standard; tra vicini di casa, tra persone sui mezzi di trasporto pubblici, al lavoro, tra cittadini che possono avere opinioni diverse ma non per questo si devono sentire liberi di insultare e odiare, soprattutto tramite web che contribuisce a seminare il nuovo linguaggio dell’insulto e della critica fine a se stessa.

In cosa può essere considerato innovativo l’assessorato alla gentilezza?

Paradossalmente l’innovazione sta nel ricordare alle persone che esiste un altro modo di rapportarsi con gli altri. La novità è il grazie che non ti aspetti più.

La prima reazione che ha avuto quando ha saputo di avere ricevuto la delega alla gentilezza?

…ho ringraziato per aver pensato a me!