Sales Antonia Pia

Località: Toscana
Ente: Imprenditore
Intervista conoscitiva
sono contentissima di essere entrata a fare parte di questo progetto meraviglioso.
Sono la titolare di un centro estetico a Siena (nonostante io sia pugliese).
Come costruisci la gentilezza nella tua comunità lavorativa?
Nel mio lavoro, costruisco gentilezza porgendo guancia, cuore e orecchio alle Donne che entrano nel mio centro estetico.
Porgo loro tutto ciò che ho per poterle ascoltare, consigliare, tirare su di morale.
Creo rapporti con loro al di fuori del lavoro, per poter passare serate con leggerezza.
Spesso mi capita di avvertire solitudine nelle parole delle mie donne. Quale migliore occasione per invitarle a cena e ‘donare’ loro una nuova amica?
Proprio per questa ragione, ho organizzato un aperitivo di gruppo.
Tutte le clienti che ne avevano voglia, potevano mandarmi un messaggio e raggiungermi in un posto ad una determinata ora.
L’obiettivo era quello di incontrarmi con più clienti insieme, in modo tale da farle conoscere tra loro per fare nascere nuove amicizie.
Da piccolo chi è stato il tuo esempio di gentilezza?
I miei genitori sono sempre stati il mio esempio (mia mamma è un medico e anche lei fa parte di questa rete bellissima)
Genitori umili, educati e rispettosi di tutto e di tutti….. soprattutto della gente ‘ai margini’.
Sono così fiera di esser cresciuti in una famiglia dove si respirava AMORE.
Come può la gentilezza sul lavoro contribuire ad accrescere il benessere dei lavoratori e la produttività?
È molto semplice questa domanda, la gentilezza è alla base di tutto.
È un dare e avere. Se ti comporti bene con i tuoi dipendenti, loro renderanno di più e saranno gentili con i clienti finali.
Se loro renderanno di più, la tua azienda crescerà e tu potrai pagare di più le tue dipendenti, rendendole felici.
Una parola gentile che usi sovente con i tuoi collaboratori?
La parola gentile è semplicemente GRAZIE.
Nulla mi è dovuto, neanche che la mia dipendente lavori per me.
Quindi, quello che costantemente le ripeto, è GRAZIE.
Come Imprenditore della Gentilezza, cosa significa per te essere un costruttore di gentilezza?
Per me gentilezza è semplicemente porgere l’altra guancia.
Costruire gentilezza significa essere empatici, capire e immedesimarsi nella persona che si ha di fronte.
Nello scorso mese di Ottobre, mese per la prevenzione al tumore al seno, ho offerto (iniziativa a cui potevano partecipare non solo le mie clienti, ma tutte le donne della città in cui vivo)un trattamento di bellezza a tutte le donne che hanno combattuto o continuano a combattere con questo male.
Erano libere di scegliere qualsiasi Trattamento, era offerto da me. Volevo vederle sorridere.
In quell’iniziativa, ho racchiuso tutto ciò che penso della vita.
Ho solo 25 anni e ho aperto la mia attività da un anno.
Tra amici e clienti sono ‘famosa’ per il mio essere sempre (qualcuno direbbe anche troppo) gentile con tutti.
Qualche giorno fa mi ha mandato un messaggio un’assistente sociale:
‘Antonia, oltre ad essere una grande estetista, sei una piccola grande Donna.
È un piacere mandare le mie ‘pazienti’ da te, perché so che potrai aiutarle non solo sotto il punto di vista estetico, ma anche morale.’
Ecco, per me questo messaggio è stato il più importante.
Lavoro costantemente su me stessa per essere buona e rispettosa con tutti.
Spero di poter fare sempre meglio.
Sono così grata per essere entrata a far parte di questa rete. Grazie.
Antonia Pia Sales