Lupo Carmen

Località: Sicilia
Ente: Insegnante infanzia
Intervista conoscitiva

Da piccola chi è stato il tuo “insegnante” di gentilezza?

Il mio insegnante di gentilezza è stato il mio papà, fin da piccola mi ha guidata con il suo esempio e il suo modo di vivere ricco di galanteria ad avere sempre atteggiamenti gentili verso il prossimo. La sua parola d’ordine era “rispetto” son sicura che da lassù mi osserva ogni dì ed è fiero di me!

Come insegni agli alunni la gentilezza?

Con il mio esempio, è importante che il bambino viva a scuola in un ambiente dove regni il rispetto, l’altruismo e l’amore per chi gli sta vicino.

Una parola gentile che usi sovente con i tuoi alunni?

I miei alunni hanno un unico nome “Amoruccio”

Come può la gentilezza aiutare i bambini a vivere la scuola più serenamente?

La gentilezza è strettamente legata all’empatia e il bambino che si mette nei panni dell’altro, ascoltando le proprie emozioni e quelle altrui senza giudicare è sicuramente sulla buona strada nel vivere serenamente il suo cammino.

Quando un alunno sbaglia, come lo correggi con la gentilezza?

Solitamente se ne parla subito in sezione, spesso adopero la metodologia didattica del “circle time” molto efficace per esprimersi e conoscersi meglio. Dopo un’attenta discussione insieme ai compagni, guido il bambino alla consapevolezza dell’ atteggiamento errato e a trovarne la soluzione da solo o con l’aiuto dei presenti.