Torretta Laura

Località: Liguria / Genova
Intervista conoscitiva

di cosa ti occupi?

Da sempre mi prendo ‘cura’, per farlo attivo il mio talento  e il mio proposito: trasgredire al senso comune per generare nuovo senso al servizio del bene comune. Per 25 anni mi sono occupata di cura del business come manager in azienda e da dieci anni come happy free lance mi occupo di cura delle persone, delle relazioni, dei sistemi organizzativi e sociali per liberare potenziale: positivo, felice, gentile, inclusivo, sostenibile…
il mio nuovo sito  www.lauratorretta.it   e la mia nuova proposizione di valore ‘Happy Systemic Human Empowerment’ sintetizzano il mio sapere, saper fare, saper essere, saper diventare

Una proposta per costruire gentilezza che proponi come socio di cor et amor?

Da subito divulgare i contenuti e le iniziative associative sui miei social network per creare cultura e diffondere buone pratiche in tutti i sistemi sociali (famiglia, scuola, sanità, pubblica amministrazione, aziende)

Cosa significa per te costruire gentilezza con il cuore e con amore?

Per me essere gentile significa avere cura dei tre regni umano. Animale, vegetale; essere generosa e accogliente, essere  empatica e compassionevole, ascoltare e includere le diversità; condividere le risorse a disposizione, praticare la calma e la presenza‘Esserci quando è il momento non quando ho un momento’

come promuoverai Costruiamo Gentilezza sul tuo territorio?

Mi impegno ad organizzare almeno un evento e un webinar, a colorare una panchina viola durante il 2022, vorrei ingaggiare le associazioni con cui collaboro, ho già iniziato a coinvolgere una rete di persone sensibili al tema in ambito scolastico, educativo, sanitario, pubblico, organizzativo.

Una regola di gentilezza che è importante conoscere?

Le regole della gentilezza sovvertono l’ordine costituito…portano nuovi sguardi e prospettive: ogni PICCOLO gesto gentile ha un GRANDE valore

Cosa significa essere associata a Cor et Amor?

Per me significa partecipare attivamente: aderire alla carta dei valori e agli obiettivi statutari, proporre nuove iniziative di informazione-divulgazione-formazione-trasformazione, partecipare e diffondere quelle organizzate dall’associazione e da altri soci,  promuovere la cultura della gentilezza come forma di benessere ed evoluzione sociale sostenibile.

Come è comparsa la gentilezza nella tua vita?

e’ sempre stata fin da piccola una mia risorsa ma l’ho attivata ad intermittenza fino ai 48 anni, finivo talvolta preda della frenesia, sconnessa e concentrare sul fare, perdevo la relazione con l’altro, reagivo sulla difensiva in modo impulsivo e aggressivo, dopo mi pentivo chiedevo scusa affranta dal senso di colpa. Questo comportava molta fatica e perdita di energia: non ero io! Dieci anni fa ho detto basta, ho rigenerato senso e direzione di vita, ho ritrovato l’equilibrio e la pace interiore, sono diventata finalmente ‘adulta’ assumendo piena responsabilità dei miei comportamenti con esempio e coerenza, allineata totalmente ai miei valori: libertà, verità, giustizia. Non è mai troppo presto né troppo tardi per scegliere di essere felici e gentili, questo richiede profonda intenzione e allenamento. Ogni tanto esce ancora il mio ego…ci cado …sempre meno…mi rialzo…sempre più veloce…osservo accolgo imparo amorevolezza…vado avanti con gentile amorevolezza!

Chi rappresenta per te un buon esempio di gentilezza?

Dopo il mio mito Mahatma Gandhi…il nostro emerito Presidente Sergio Mattarella

Una citazione sulla gentilezza che ricordi volentieri?

La gentilezza è la catena forte che tiene legati gli uomini (Goethe)