IL FISCHIO GENTILE

Età: 6-10 anni
Ambito: Scuola
Partecipanti: da 10
Durata: 20 minuti
Materiale: un fischietto ed un'altra fonte sonora per produrre un segnale
Descrizione

Il gruppo di bambini si muove liberamente nello spazio predisposto, seguendo le indicazioni dell’adulto, che propone di farlo in diversi modi. Di seguito alcuni esempi: – Camminare: sui talloni, sulla punta dei piedi – Correre : in avanti, indietro, girando su se stessi, – Saltare: su un piede, a piedi uniti… Si inseriscono alcune varianti , anche per non rendere gli spostamenti troppo faticosi. Tali varianti possono essere: – L’adulto nomina un colore , quindi i giocatori devono toccare con mani o piedi qualcosa presente nello spazio che sia di quel colore – L’adulto dice un numero: i bambini devono prendersi per mano e disporsi in cerchio, tanti quanti indicati dal numero. L’adulto si rivolge ai bambini usando solo la voce o stabilendo un segnale, che sia diverso dal fischiare. QUANDO INVECE PRENDE IL FISCHIETTO E FISCHIA: ogni bambino deve rivolgersi al primo che incontra e dirgli una parola che reputa essere gentile o rivolgerli un gesto gentile. Finale Quando si stabilisce che il gioco è finito, si invitano i bambini a disporsi in cerchio e si riflette sull’agito: ciascuno può dire una parola o un gesto che ha apprezzato in modo particolare o non apprezzato; insieme si individuano gesti e parole più indicati per esprimere gentilezza.

Conoscenze gentili allenate
parole e movimenti gentili.
Proposto da
CLASSE 3 A SCUOLA PRIMARIA DI BOTTANUCO - BERGAMO nell'ambito della GIORNATA NAZIONALE DEI GIOCHI DELLA GENITLEZZA, UN GIOCO PER LA PACE
TI È PIACIUTO QUESTO GIOCO? Condividilo con i tuoi amici!