Pezzon Ambra

Località: Veneto / Povegliano Veronese
Intervista conoscitiva

Come costruisci la gentilezza nella tua comunità locale?

Attraverso piccoli gesti quotidiani e dando l’esempio sia come assessora ma soprattutto come mamma. I genitori e i nonni sono il punto di riferimento per i bambini durante la loro crescita, qualsiasi comportamento ed azione che tu fai viene studiata dai bambini, osservata, elaborata per trarne insegnamento e proprio per questo motivo dobbiamo dare l’esempio.

 

Da piccolo chi è stato il tuo esempio di gentilezza?

I miei genitori, mia mamma in particolare, mi ha insegnato il rispetto delle persone  e verso le cose/beni altrui e ritengo che rispetto e gentilezza siano due valori che si accomunano, l’uno non può esistere senza l’altro .

 

Una parola gentile che usi sovente con i tuoi concittadini? 

Chiedo sempre alle persone che incontro come stanno.

 

Come può la gentilezza rendere più unita la comunità mettendo al centro i bambini?

A causa del momento storico che abbiamo e stiamo ancora passando dovuto alla pandemia va riscoperto il senso di comunità. Coinvolgendo i bambini sono certa che coinvolgeremo e faremo conoscere tra loro anche i genitori, sono i primi passi per fare comunità.

 

Quando un cittadino si comporta con maleducazione verso la comunità, come lo correggeresti con la gentilezza? 

Anzichè concentrami sul caso isolato, ritengo sia più costruttivo attuare iniziative volte a sensibilizzare la gentilezza rivolgendomi a tutta la comunità.

 

Come Assessore alla Gentilezza, cosa significa per te essere un costruttore di gentilezza?

Essere gentili è una scelta ed io ho deciso di praticarla ogni giorno, non c’è ” un decalogo della gentilezza”, nella vita quotidiana se sei accorto nei comportamenti nei gesti le buone pratiche diventano spontanee e non si potrà più rinunciare ad essere gentili.