Gallo Stefania

Località: Campania
Ente: insegnante Primaria
Intervista conoscitiva

Mi chiamo Stefania Gallo. Sono docente di Scuola Primaria presso l’ICS “ G. Barra “di Salerno.
Credo che  “star bene a scuola sia davvero importante, per questo e cerco di progettare spesso attività che coinvolgano diversi linguaggi, verbali e non. Per me la gentilezza è alla base dello star bene di tutti.

Da piccola chi è stato il tuo “insegnante” di gentilezza?

I migliori insegnanti della gentilezza, per me, sin da piccola, sono stati i miei genitori, sempre pronti a donare sorrisi e aiuto a tutti, ed è questo che mi hanno insegnato, e che io cerco di trasferire ai miei alunni.

Come insegni agli alunni la gentilezza?

Cerco sempre di essere gentile e attenta nei loro confronti, e li sollecito a fare lo stesso con i compagni e con gli altri. Li lascio liberi di poter esprimere le loro idee( sempre in maniera consona e garbata), e gli faccio capire che gli errori si possono commettere, e soprattutto che non succede nulla, visto che agli errori si può porre rimedio.

Una parola gentile che usi sovente con i tuoi alunni?

Spesso ai miei alunni ripeto : “ Sono fiera di te!”, “ Per voi ci sono e ci sarò sempre”

Come può la gentilezza aiutare bambini e ragazzi a vivere la scuola più serenamente?

Secondo me gentilezza unita a sorriso aiutano ad apprendere meglio e a creare un clima sereno in aula.

Quando un alunno sbaglia, come lo correggi con la gentilezza?

Lo esorto a riflettere sull’errore commesso, lo riguardiamo insieme, e insieme troviamo la strada per non commetterlo più

Cosa significa per te essere costruttore di gentilezza?

Per me la gentilezza vuol dire rispetto dell’altro nella sua totalità. Sull’ essere gentile ho fondato tutto il mio modo di essere e di vivere ,sia dentro che fuori la scuola.