Tarallo Michele

Località: Campania / Sant'Antonio Abate
Intervista conoscitiva

Cosa significa per te costruire gentilezza con il cuore e con amore?

Credo che ciò che sarà in grado di cambiare il mondo sia la gentilezza.

Ho avuto il mio primo approccio con la musica all’età di 6 anni, quando ho iniziato a studiarla già con grande passione, e se come si ritiene essa ingentilisce l’animo umano, io sono così sensibile alla gentilezza proprio grazie alla musica.

La musica è il più grande veicolo di pace, gioia e speranza ed ha la missione di rendere la società migliore.

 Come è comparsa la gentilezza nella tua vita?

Sono un musicista ed insegno musica, ho sempre avvertito in me il desiderio di un mondo più solidale e, secondo il mio parere, lo si può realizzare solo attraverso la gentilezza.

Come promuoverai Costruiamo Gentilezza sul tuo territorio?

Ho conosciuto l’associazione “Cor et Amor”  grazie ad un amico dell’AFI ( associazione delle famiglie), il quale parlava della rete nazionale degli assessori alla gentilezza. Spinto dalla curiosità, in seguito a delle ricerche, ho scoperto l’esistenza di un’organizzazione che promuove proprio la gentilezza. Mi sono associato e reso subito operativo tanto da chiedere alla sindaca del mio paese di istituire nella sua giunta , l’assessore alla gentilezza. Il primo cittadino molto sensibile a questo tema, ha già preparato gli atti necessari ad istituire tale delega quanto prima.

Proporrò un comitato per la promozione della gentilezza,  e il mio intento sarà quello di coinvolgere le scuole del territorio, con alunni, famiglie e colleghi. Di sicuro avremo una grande collaborazione con l’assessore di riferimento.

Cosa significa essere associata a Cor et Amor?

Essere associato a “Cor et Amor” significa far parte di una seria organizzazione che desidera costruire, a tutti i livelli e in ogni ambiente amore e gentilezza. Spero di dare un valido contributo con il mio operato, e con questa esperienza, in cui ho riposto molta fiducia.

Una citazione sulla gentilezza che ricordi volentieri?

Non posso non riportare le tre parole che Papa Francesco chiede ai fedeli  “ Per Piacere, Grazie e Scusa”. Solo con esse mettendole in pratica, si può essere un vero esempio di gentilezza.

E’ ciò che tento di trasmettere ogni giorno, con la mia umiltà, alle persone che incontro lungo il mio cammino perché la gentilezza è la forma più bella di educazione umana che io conosca.