A Campolongo Maggiore VE nonni e ragazzi Seminano Gentilezza insieme

Nelle giornate di “Veneto Semina Gentilezza” abbiamo coinvolto i plessi scolastici attraverso il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze (formato da alcuni alunni delle scuole di secondo grado) e le associazioni che nel territorio si occupano soprattutto dei nostri anziani: Anteas Campolongo e Auser Insieme. L’ idea, come dallo spirito dell’iniziativa, è stata quella di mettere in relazione generazioni diverse nella realizzazione di un segno concreto e nello stesso tempo sensibilizzare i ragazzi a gesti di gentilezza.

In questa prima iniziativa sono stati coinvolti i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado perché possano essere loro stessi testimoni verso i compagni più piccoli della scuola primaria, con la prospettiva di coinvolgere direttamente questi ultimi nelle prossime iniziative. I ragazzi più grandi sono così chiamati e responsabilizzati nel trasmettere il messaggio ai più piccoli. 

Nella giornata del 29 Aprile i ragazzi con i nonni delle associazioni coinvolte hanno realizzato uno spazio verde, identificato dai ragazzi, all’interno di due scuole medie nelle frazioni del nostro comune.

Interessante è stata la scelta dello spazio in quanto i ragazzi hanno pensato, per entrambe le scuole, allo spazio d’entrata, così che tutti possono ammirare la bellezza e ricordare ogni giorno che la gentilezza si può mettere in atto anche attraverso dei gesti semplici.

I ragazzi con i nonni hanno provveduto alla piantumazione di alcune specie di fiori, alla posa di una targa, con la condivisione di alcuni pensieri di gentilezza che i ragazzi si sono impegnati a creare.

Il momento conclusivo di inaugurazione delle due aiuole, ha visto la partecipazione di tutti i ragazzi e i docenti delle scuole (circa 350 alunni), dei volontari delle associazioni l’Anteas e l’Auser, del Sindaco Mattia Gastaldi e del Sindaco Junior Tobia Taschin. Si sono vissuti momenti bellissimi e carichi di emozioni positive. Una giornata vissuta a cuore aperto da quanti sono stati coinvolti.

Una parola che risuona nella mia testa fin dall’inizio dalla presentazione dell’iniziativa e poi diventata viva nella comunità è la parola CONDIVISIONE tra generazioni, nel sensibilizzare la gentilezza e nel futuro che verrà. 

Alcuni dei pensieri dei ragazzi coinvolti:

“Penso che la solidarietà e la gentilezza siano gli unici investimenti che non falliscono mai, dovrebbero essercene di più”

“La gentilezza, aiutare tutte le persone anche il prossimo”.

“La gentilezza è donare ma non solo cose materiali ma anche momenti e felicità”.

“Oggi è la giornata della gentilezza e per questo siamo tutti qui. Piantiamo queste piantine, compiendo un gesto di gentilezza nei confronti della natura: adesso sarà nostro compito prendercene cura. Oggi, quindi, noi ci stiamo prendendo un impegno che dovrà essere mantenuto. Questa giornata ci ricorda di essere sempre gentili nei confronti di chi ci sta vicino ma anche dell’ambiente in cui viviamo”.

“La gentilezza è l’unico sentimento che viene donato senza aspettarsi nulla in cambio”.

“La gentilezza è la forza dell’anima di ogni uno di noi, dobbiamo solo imparare ad usarla”.

“La gentilezza il sentimento più leale”.

 

Sara Gastaldi Consigliera con delega alla Gentilezza del Comune di Campolongo Maggiore

 

vai a PRIMA E DOPO GENTILEZZA per vedere la trasformazione avvenuta